Il bassista è il membro più importante della band secondo la scienza ufficiale

Il bassista è il membro più importante della band secondo la scienza ufficiale

Gli studi scientifici confermano un dato eclatante:  il bassista è il membro più importante di qualunque band musicale.

Ebbene si, il membro della band che più spesso viene canzonato dagli altri con battutacce degne della peggiore barzelletta sui Carabinieri ( ad esempio: perché il bassista non passa mai per la porta d’ingresso? Perchè non trova la ‘chiave’ e sopratutto non sa ‘quando entrare’..)  si rivela invece il membro della band in assoluto più fondamentale di tutti, specialmente quando si tratta di ‘ritmo’ !

ricercatori della McMaster University di Hamilton, Ontario, hanno scoperto che la nostra percezione del ritmo è piu’ precisa quando ascoltiamo le note basse. Le stesse note basse che spesso sembrano più fare da background ai brani musicali almeno rispetto ai più teatrali timbri di una chitarra o di una tastiera, ad esempio.

Per raggiungere questa conclusione, i ricercatori hanno sottoposto ad elettroencefalogramma (EEG) i partecipanti all’esperimento ed hanno monitorato i loro segnali cerebrali mentre ascoltavano due note suonate al pianoforte, una più alta ed una più bassa.

Le note venivano suonate ad intervalli regolari e soltanto qualche volte l’una o l’altra, la più alta o la più bassa, venivano leggerissimamente anticipate ( sfasate quindi ) rispetto al normale ritmo imposto dall’esperimento. Ai volontari è stato poi chiesto di riferire quando avessero sentito una nota fuori sincrono.

Ebbene questa prova ha dimostrato che l’uomo è più facilmente in grado di riconoscere una nota fuori sincrono quando la nota è bassa, appunto.

I ricercatori hanno anche effettuato una controprova chiedendo ai partecipanti di tamburellare una superficie con le dita; ebbene anche in questo caso i partecipanti sono riusciti a tenere il tempo con maggiore facilità quando venivano invitati a seguire un ritmo proposto da delle note basse.

Il risultato quindi è che il nostro cervello riconosce più facilmente l’aritmicità di una musica o di un suono se questo è prodotto ad una bassa frequenza. Se durante l’esecuzione di un brano quindi  il bassista andasse fuori sincrono tutta la band rischierebbe una gran bella figuraccia.

Capito che razza di responsabilità per questi poveri bassisti?

‘Papà Papà!!! Voglio crescere e diventare un bassista!!’

‘Non puoi fare tutt’e due le cose, figliolo …’

Fonte :music.cbc.ca